Coinvolgimento, partecipazione, tecnica: queste le parole chiave della Giornata Azzurra andata in scena ieri 20 febbraio a Roma all’impianto Tellene. L’evento ha visto i tecnici del Settore Squadre Nazionali allenare gli atleti del Centro Tecnico Federale del Lazio e incontrare oltre quattrocento tra allenatori, istruttori e preparatori fisici, intervenuti ad assistere agli allenamenti e al clinic integrato, in un confronto altamente formativo.

“È stata una giornata bellissima – ha commentato Eugenio Crotti, Coordinatore nazionale dei Centri Tecnici Federali, che ha incontrato i dirigenti delle società – la palestra ha offerto un colpo d’occhio notevole con i tanti allenatori, istruttori e preparatori fisici seguiti e coinvolti dai rispettivi tecnici, oltre ai ragazzi in campo che hanno messo impegno ed energia. Quello del Lazio è un gruppo estremamente interessante, i miei complimenti vanno quindi alle società che curano la crescita di questi atleti: come Federazione, ci mettiamo al loro servizio per offrire supporto e instaurare quello spirito di squadra proprio di questo sport”.

“Ho visto una grande partecipazione – sono le parole del presidente del CR Lazio Francesco Martini – il mio ringraziamento va ai tecnici del Settore Squadre Nazionali per la grande capacità di coinvolgimento e alla Smit, che ha contribuito all’organizzazione ospitandoci nel suo impianto”.

“Una giornata intensa e molto produttiva, per la quale ringrazio il presidente Martini e lo staff dei Centri tecnici per l’organizzazione impeccabile – è il commento di Antonio Bocchino, Tecnico del Settore Squadre Nazionali, che ha svolto gli allenamenti con gli atleti delle annate 2002, 2003 e 2004 del Lazio e tenuto poi il clinic sui temi dell’importanza dei fondamentali nelle situazioni di gioco – I ragazzi in campo sono stati coinvolti e al tempo stesso coinvolgenti, e la palestra piena durante il clinic è un segnale molto positivo”.

“L’obiettivo dell’incontro era richiamare gli istruttori alla propria responsabilità di sviluppare le funzioni cognitive degli atleti più giovani – ha spiegato infine Maurizio Cremonini, Responsabile nazionale del Settore Minibasket – Sono molto soddisfatto del confronto che ne è scaturito e spero che anche le aspettative dei tanti istruttori intervenuti siano state ripagate”.

Ufficio Stampa Comitato Regionale FIP Lazio

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •