L’accusa per l’ex poliziotto e attuale imprenditore è quella di frode fiscale: un caso da 70 milioni di euro

Bufera Alma: nelle ultime ore, la notizia passata attraverso tutti i principali media locali e nazionali ha sconvolto l’ambiente targato Pallacanestro Trieste 2004.

Il proprietario di Alma Agenzia Per Il Lavoro SPA, Luigi Scavone, è stato infatti arrestato a Napoli: maxi frode fiscale da 70 milioni di euro, che ha portato all’arresto non solo dell’attuale presidente della società cestistica biancorossa, ma anche di altre nove persone.

Al momento dell’arresto, Scavone era a Napoli nella sua abitazione, pronto per partire con Dubai con uno zainetto contenente 300.000 Euro in contanti: la società Pallacanestro Trieste 2004 non risulta essere coinvolta in alcuna maniera nella vicenda, al momento, e nemmeno il suo amministratore delegato Gianluca Mauro.

Di sicuro, dopo i tempi felici della vittoria della Supercoppa, della promozione in Serie A e di un campionato ai massimi livelli che stava proiettando Trieste nelle prime otto del campionato, questo è il momento più difficile.

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares