Groningen. L’Italia, priva di Della Valle fermato dall’influenza, perde contro i Paesi Bassi 81-66 ma vince comunque il girone D della prima fase davanti proprio agli olandesi e alla Croazia, che stasera ha battuto ed eliminato la Romania dalla corsa al Mondiale.

A settembre si aprirà una nuova fase, quella decisiva. Italia, Paesi Bassi e Croazia comporranno il gruppo J insieme a Lituania, Polonia e Ungheria, qualificatesi in questo ordine nel girone C (Kosovo eliminato). 

Delle sei squadre in lizza, tre staccheranno il pass per il Mondiale cinese del prossimo anno. Solo la Lituania partirà a punteggio pieno, non avendo perso nessuna delle sei partite disputate nella prima fase. L’Italia è seconda con 10 punti, frutto di 4 vittorie e due sconfitte (secondo il regolamento FIBA, alla squadra perdente si assegna un punto). Gli Azzurri non potranno più affrontare Croazia e Paesi Bassi e disputeranno gare di andata e ritorno con Lituania, Polonia e Ungheria. Prima finestra 14/17 settembre, seconda finestra 29 novembre/3 dicembre, terza finestra 21/25 febbraio. 

Così il CT Meo Sacchetti: “C’è poco da dire, non mi aspettavo questa prestazione. A livello di energia e fisicità abbiamo subito per tutta la partita e non siamo mai riusciti a colmare il gap tra noi e loro. Abbiamo fatto una brutta figura e ci dispiace. Ora dobbiamo resettare e ripartire da zero cercando, dal 25 agosto, di presentarci a settembre in una migliore condizione fisica”. 

A Groningen il primo tempo è complicato. Più del previsto. La fisicità degli olandesi, unita alla scarsa vena degli Azzurri, produce subito un match in salita. Gli Orange si arrampicano fino al +11 (18-7). Fa il suo esordio con la Nazionale Nico Mannion a 17 anni, 3 mesi e 17 giorni (il quarto più giovane esordiente di sempre dietro Vinicio Nesti, Dino Meneghin e Sandro Riminucci). Il playmaker nato a Siena in pochi secondi va subito a segno, prende un rimbalzo difensivo e in transizione fallisce un tiro da dietro l’arco: la personalità non manca di certo. Quello che manca è continuità sotto canestro. In apertura di seconda frazione l’Olanda segna 9 punti consecutivi dalla lunetta e si spinge di nuovo fino al +12 (34-22). Arriva una fiammata con un parziale di 8-0 (triple di Mannion e Filloy e liberi di Abass, che ritocca a 18 il suo career high) ma qualche errore in difesa fissa il punteggio sul 38-30 all’intervallo. 

Poco cambia nel terzo periodo, con continui alti e bassi nel punteggio. L’Italia accorcia fino al -4 ma viene sempre ricacciata indietro e non bastano le sfuriate di Abass e Mannion, sicuramente i più positivi. A 10 minuti dalla fine Azzurri sotto 58-49. 

Coach Sacchetti chiede ai suoi una reazione che però non arriverà mai. I padroni di casa chiudono agevolmente e conquistano i due punti. 

 

Il tabellino

Paesi Bassi-Italia 81-66 (19-15, 19-15, 20-19, 23-17)

Paesi Bassi: Franke 9 (3/6, 0/1), Williams 2 (1/2), De Jong* 12 (3/5, 2/5), Kloof* 21 (4/9, 1/3), Brandwijk, Hammink 16 (2/3, 1/1), Van der Mars* 7 (2/7), Schaftenaar* 8 (3/4), Oudendag 2 (1/3), Wessels, Kok, Slagter* 4 (1/2, 0/1). All: Van Helfteren

Italia: Mannion 9 (2/7, 1/3), Aradori* (0/2, 0/2), Biligha* 2 (1/2), L. Vitali* 7 (2/3, 1/2), Filloy 3 (0/3, 1/2), Tessitori 2 (1/2), Abass* 18 (2/3, 1/3), Tonut (0/2, 0/1), M. Vitali 6 (0/2, 1/4), Burns* 10 (2/3, 2/3), Polonara (0/1, 0/2), B. Sacchetti 9 (0/1, 1/5). All: R. Sacchetti

Arbitri: Zashchuk (Ucraina), Rutesic (Montenegro), Ozols (Lettonia)

Tiri da due Ned 20/41, Ita 10/31; Tiri da tre Ned 4/11, Ita 8/27; Tiri liberi Ned 29/36, Ita 22/27. Rimbalzi: Ned 41, Ita 28. Assist Ned 5, Ita 5.

Usciti 5 falli: Burns 

Spettatori: 2.200

FIBA World Cup 2019 Qualifiers

Girone D

Prima giornata 

Italia – Romania 75-70

Paesi Bassi – Croazia 68-61

Seconda giornata

Croazia – Italia 64-80

Romania – Paesi Bassi 75-68

Terza giornata 

Italia – Paesi Passi 80-62

Croazia – Romania 56-58

Quarta giornata 

Romania – Italia 50-101

Croazia – Paesi Bassi 82-78

Quinta giornata 

Paesi Bassi – Romania 77-52

Italia – Croazia 72-78

Sesta giornata 

Paesi Bassi – Italia 81-66

Romania – Croazia 63-90

Classifica**

Italia 4/2 (10 punti)*

Paesi Bassi 3/3 (9 punti)*

Croazia 3/3 (9 punti)*

Romania 2/4 (8 punti)

*qualificate alla seconda fase

**due punti per la squadra vincente, un punto per la squadra perdente

La classifica iniziale del gruppo J

Lituania 12 punti

Italia 10 punti

Polonia 9 punti

Ungheria 9 punti

Paesi Bassi 9 punti

Croazia 9 punti

Il calendario del gruppo J

14 settembre 2018

Croazia-Lituania

Italia-Polonia

Paesi Bassi-Ungheria

17 settembre 2018

Lituania-Paesi Bassi

Polonia-Croazia

Ungheria-Italia

29 novembre 2018

Italia-Lituania

Paesi Bassi-Polonia

Croazia-Ungheria

2 dicembre 2018

Lituania-Croazia

Polonia-Italia

Ungheria-Paesi Bass

22 febbraio 2019

Paesi Bassi-Lituania

Croazia-Polonia

Italia-Ungheria

25 febbraio 2019

Lituania-Italia

Polonia-Paesi Bassi

Ungheria-Croazia

La formula delle qualificazioni

Otto gruppi da quattro squadre con la formula del girone all’italiana. Le migliori tre squadre di ogni gruppo si qualificano alla seconda fase, dove verranno inserite in quattro gironi da sei squadre. Le prime tre qualificate di ogni gruppo staccheranno il pass per il Mondiale 2019 (31 agosto/15 settembre). Nella seconda fase non potranno affrontarsi nuovamente le squadre che nella prima fase facevano parte dello stesso girone. 

 

Ufficio Stampa FIP

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •