Columbus PGC Cantù – Honey Sport City 78-64
La Columbus Cantù conquista lo Scudetto Under 16 superando l’Honey Sport City nella finalissima. Pronti, via e Procida (15 punti) ruba palla e va a schiacciare in contropiede, lasciando intuire di avere intenzioni bellicose. Il capitano dei brianzoli è infatti scatenato come dimostrano le due triple realizzate che insieme a quella di Mirkovski (14 punti con 4 triple) permettono alla Columbus PGC Cantù di superare subito la doppia cifra di vantaggio (15-4). L’HSC fatica tantissimo a segnare e i due soli canestri nei 7 minuti iniziali sono troppo pochi anche se nel finale Giacomi e Cirulli (14 punti) provano a scuotere i capitolini. Gli ultimi due punti della prima frazione sono di Bresolin che fissa il risultato sul 17 a 8. In avvio di secondo quarto arriva la reazione della squadra di coach Tonolli che risponde presente con un parziale di 10-3 grazie alle triple di Marangon e Dron. L’HSC torna dunque ad un solo possesso di distanza prima però che Mirkovski si scateni dalla lunga distanza: il numero 12 biancoblu infatti segna 3 triple consecutive che fanno esplodere di gioia i tifosi brianzoli presenti al Pala 2. I romani però non cedono per merito del buon apporto di Greggi (top scorer dei suoi con 17 punti) che risponde colpo su colpo impedendo la fuga avversaria: il secondo quarto infatti si chiude sul 20 pari con Cantù che dunque conduce 37-28. Al rientro dall’intervallo lungo tre triple consecutive (realizzate da Cirulli, Ziviani e Quarta) riaccendono subito la partita. Il PGC prova un’altra volta ad allungare toccando il massimo vantaggio sul +16, 50-34, ma l’HSC non ci sta. Quarta (autore di una doppia doppia da 12 punti e 10 rimbalzi) e Greggi guidano i gialloneri sul -6, Marazzi però quasi sulla sirena di fine terzo quarto segna il canestro del 52 a 44. La tripla di Lanzi apre gli ultimi e decisivi 10 minuti, Dron e ancora Greggi guidano i capitolini ma la tripla di Procida e i 7 punti di uno scatenato Ziviani permettono a Cantù di restare in doppia cifra di vantaggio. A metà periodo un canestro di Cirulli e una tripla dall’angolo di Greggi costringono coach Visciglia a chiamare timeout sul punteggio di 67-58. Alla ripresa del gioco Lanzi e Mirkovski trovano il fondo della retina per i brianzoli, Quarta cerca di mantenere accesa la speranza di rimonta per l’HSC ma Ziviani con 6 punti consecutivi chiude definitivamente i giochi: Cantù vince 78 a 64 ed è campione d’Italia Under 16 Eccellenza.
TEAM ABC CANTU’ – HONEY SPORT CITY ROMA 78 – 64 (17-8, 37-28, 52-44, 78-64)
TEAM ABC CANTU’: Caglio 4 (1/3, 0/1), Lanzi* 12 (1/5, 3/6), Merlo, Banfi 4 (2/4 da 2), Pozzi 3 (0/3, 1/5), Braghini, Procida* 15 (2/2, 3/11), Mirkovski* 14 (1/1, 4/8), Ziviani* 18 (5/9, 2/6), Consonni, Bresolin 4 (2/4 da 2), Marazzi* 4 (2/6 da 2). All. Visciglia
Tiri da 2: 16/39 – Tiri da 3: 13/38 – Tiri Liberi: 7/8 – Rimbalzi: 42 14+28 (Caglio 6) – Assist: 14 (Lanzi 4) – Palle Recuperate: 14 (Ziviani 6) – Palle Perse: 12 (Caglio 5)
HONEY SPORT CITY ROMA: Ludovici, Marangon* 3 (0/2, 1/3), Quarta* 12 (2/2, 1/1), Scalfarotto NE, Zoffoli NE, Dron* 7 (1/10, 1/7), Cirulli* 14 (4/6, 1/2), Ndzie Meteh* 5 (2/5, 0/1), Giacomi 6 (3/5 da 2), Francioni NE, Meola NE, Greggi 17 (5/13, 1/2). All. Tonolli
Tiri da 2: 17/46 – Tiri da 3: 5/19 – Tiri Liberi: 15/24 – Rimbalzi: 49 17+32 (Dron 11) – Assist: 9 (Dron 5) – Palle Recuperate: 8 (Giacomi 2) – Palle Perse: 21 (Quarta 4)
Arbitri: Biondi M., Agnese V.
Rarissimi momenti di appannamento e tanta capacità di adattarsi ad avversari diversi. Così i canturini hanno dominato la settimana a Bassano del Grappa (imbattuti in 6 gare), confermando la propria maturità nel match clou, condotto sempre in vantaggio, contro la squadra di coach Alessandro Tonolli. Menzione particolare per capitan Gabriele Procida e Lorenzo Ziviani, entrambi inseriti nel Quintetto ideale della manifestazione ed oggi fondamentali con 15 e 18 punti.
Dopo due anni torna dunque in Brianza un tricolore giovanile, e a portarcelo è sempre Antonio Visciglia, coach nel 2016 del roster vincitore dell’Under 20 Eccellenza e allenatore oggi dei classe 2002-2003 laureati Campioni d’Italia.
Così Visciglia, miglior allenatore della manifestazione:
“Siamo stati tosti in difesa, abbiamo messo la partita sul piano che volevamo. E’ un gruppo fantastico che si è adeguato ad ogni partita, questo è merito dei ragazzi”.
Per l’allenatore di Cantù è il secondo titolo giovanile:
“Non so se coincide con ogni mio figlio che nasce perché se è così mi fermerei qui altrimenti è un problema mantenerli tutti quanti”.
Dopo il secondo posto in Under 18 e il terzo posto in Under 15, per l’Honey Sport City si chiude con una Medaglia d’Argento una stagione di Finali Nazionali da assoluta protagonista. Queste le parole di coach Tonolli:
“Stiamo lavorando, stiamo cercando di fare le cose fatte bene e certamente questi risultati ci aiutano perché dimostrano che stiamo facendo le cose giuste”.
Terzo posto per la Stella Azzurra Roma, vincente sull’Unipol Banca Virtus Bologna 74-55.
Miglior Quintetto della manifestazione: Gabriel Dron (Honey Sport City), Abramo Penè (Stella Azzurra Roma), Tommaso Tintori (Unipol Banca Virtus Bologna), Gabriele Procida (Columbus PGC Cantù), Lorenzo Ziviani (Columbus PGC Cantù).
Miglior allenatore: Antonio Visciglia (Columbus PGC Cantù).
Ufficio stampa FIP

Classifica Finale

View all
N.ClubPGVintePersePCTPFPSDiff
116601.000434333101
227520.71448045030
336510.833438330108
447430.57147346310

Albo d’Oro

2018 Columbus PGC Cantù
2017 Stella Azzurra Roma
2016 Pegaso Ragusa
2015 Dife Pistoia Basket 2000
2014 Unipol Banca Virtus Bologna
2013 Armani Junior Milano
2012 Virtus Bologna
2011 Virtus Siena
2010 Montepaschi Siena
2009 Scavolini Spar Pesaro
2008 Medusa Virtus Pall. Bologna
dal 2008 al 2015 Campionato denominato Under 17 d’Eccellenza
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •